Utile netto semestrale a 1,37 milioni. Confermati i trend di crescita e migliorate le coperture

UTILE NETTO SEMESTRALE A 1,37 MILIONI. CONFERMATI I TREND DI CRESCITA E MIGLIORATE LE COPERTURE

“Il primo semestre del 2017 si chiude con tutti gli indicatori in crescita, a conferma dell’efficienza commerciale e del rafforzamento dei principali indicatori di copertura dei prestiti”.
A riferirlo è il Direttore Generale di Banca San Giorgio Quinto Valle Agno, Leopoldo Pilati, che esprime “ampia soddisfazione per i dati ottenuti. Il risultato economico al 30 giugno è pari a 1,37 milioni di euro, al netto delle imposte: un dato ampiamente superiore alle previsioni di fine 2016”.
Il montante totale intermediato da Banca San Giorgio Quinto Valle Agno - raccolta complessiva e impieghi - a metà anno sfiora i 2,65 miliardi di euro (+ 0,87% rispetto al dato 2016), con impieghi per cassa pari a 1.035 milioni di euro e raccolta totale pari a 1.536 milioni di euro (+ 2,09%). In crescita la raccolta indiretta (+ 7,79%) per 490 milioni di euro. “Il risparmio gestito è tra i comparti più soddisfacenti negli ultimi mesi- precisa il Direttore Pilati. Fiore all’occhiello per la nostra BCC è il particolare apprezzamento per la Finanza SRI – Socially Responsible Investment.
Banca San Giorgio Quinto Valle Agno attraverso questo strumento offre ai propri clienti la possibilità di investire in modo responsabile e sostenibile in fondi a impatto sociale positivo sull’ambiente e sulla collettività. Tra l’altro- precisa il DG Pilati- Siamo i maggiori collocatori in Veneto dei fondi Etica SGR con oltre 4 milioni e mezzo di consistenze. Anche il costante trend di crescita del numero di conti correnti conferma la fiducia che la comunità locale riconosce alla BCC, restata ormai l’unico riferimento nel nostro territorio di competenza. Ad oggi sono già 1.700 i nuovi rapporti con la clientela aperti dalla banca rispetto a fine 2016”.
Confermato anche il miglioramento della solidità patrimoniale, requisito oggi più che mai fondamentale: il Total Capital Ratio è prossimo alla soglia del 16% e il Cet1 è salito al 15,31%. Il Texas Ratio continua a scendere in modo positivo a quota 91,97%.
A convalida del costante percorso di rafforzamento prudenziale intrapreso dal Consiglio di amministrazione della Banca, il bilancio del primo semestre ha confermato inoltre l’ulteriore aumento delle coperture sul credito deteriorato, salite al 50,05%.  La percentuale di copertura delle sofferenze è aumentata al 57,40%. Sono posizioni garantite per quasi l’82% da garanzie reali.
“Siamo particolarmente soddisfatti di poter presentare ai nostri soci e ai clienti risultati così lusinghieri per la prima parte del 2017- commenta il Presidente, Giorgio Sandini. Una semestrale particolarmente positiva, che, migliorata ulteriormente con dati disponibili già a fine agosto, dimostra il buon operato sul territorio della BCC: un presupposto fondamentale per presentarci in salute allo stress test a cui le BCC saranno chiamate entro dicembre.
E’ ragionevole ritenere - conclude Sandini- che alcuni nuovi rapporti provengano anche dalla clientela delle ex Banche Popolari venete. La fiducia che il territorio continua a riconoscerci resta comunque frutto del nostro essere banca in salute e sempre più radicata nel contesto locale. Valori che restano capisaldi anche nel nuovo quadro della riforma del Credito Cooperativo.”

San Giorgio di Perlena- Fara Vicentino, 1 settembre 2017